….il Rosario per la sposa… alla riscoperta della tradizione!
23 gen 2018

….il Rosario per la sposa… alla riscoperta della tradizione!

Entrare in chiesa con un rosario non è una moda, al contrario, è una tradizione cattolica molto, antica.

Alcune spose usano il rosario di famiglia ereditato dalla nonna, dalla mamma, altre semplicemente lo acquistano con tutti i dettagli personalizzati.L’accessorio significa fede e religiosità. Le spose che lo usano vogliono esprimere la loro fede e chiedere tutte le benedizioni e le protezioni della Trinità (Padre, Figlio e Spirito Santo) per la nuova fase che inizia, quella del matrimonio. Il profilo del matrimonio e della sposa che sceglie di indossare il rosario è piuttosto tradizionale.

Personalizzato nel modo desiderato, può essere realizzato in madreperla, pietre semipreziose, perle e cristalli assortiti. Sei tu che scegli la taglia e il colore che vuoi, ma non lasciare che l’accessorio lasci il tuo stile e la tua personalità! È della massima importanza che il rosario sia in armonia con l’abito, il bouquet, il velo e altri oggetti della sposa.

Il modo migliore e più scelto è usarlo avvolto nelle mani, accanto al bouquet. Tuttavia, non esiste una regola su come usarlo, non è obbligatorio mostrarlo se non lo vuoi! I rosari possono essere usati come “pendenti” sopra il mazzo o sotto, per metà appesi alle mani e ai polsi della sposa.

Un’altra opzione che la sposa ha è quella di indossare rosari colorati nei matrimoni tenuti durante il giorno! Puoi anche scegliere di mettere una medaglia con l’immagine del santo della tua devozione.

Secondo la tradizione, dopo il matrimonio la sposa offre il rosario ad una persona speciale nella sua vita, come prova di affetto e ringraziamento. Ma non preoccuparti, questa non è una regola! Se preferisci, puoi tenere il rosario come promemoria del tuo grande giorno e persino usarlo in altre occasioni, come battezzare il futuro bambino, o forse anche darle una figlia da usare nel giorno del suo matrimonio.

 

 

 

    


Alessia Segato
Alessia Segato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *